Home page         Rubriche         Contatti        

MY INSTAGRAM

03/07/17

DIECI ANIME DA VEDERE QUEST'ESTATE || 1° PARTE

Estate: caldo, vacanze, tempo libero (almeno per alcuni!). Non hai voglia di leggere, non hai voglia di andare in giro. Vuoi poltrire e basta. Tu, il divano, il ventilatore, qualcosa da vedere in televisione (o sul PC!). Ma cosa?
La maggior parte delle tue amate serie americane sono in pausa, in TV non c’è granché, oltre le solite repliche di soap o film anni Ottanta che hai sbirciato mille volte per disperazione.
Che ne dici un “cartone animato” (che blasfemia chiamarlo così!)? Ma quale?
Ed ecco che ti viene in aiuto la mia to do list di anime per la bella stagione, suddivisa in due parti, di cui la seconda sarà online mercoledì 5 luglio: perciò occhio!

Adesso ignora i 40°, mettiti comodo, e tuffati in
Dieci anime da vedere quest'estate.

 

Opening liberamente visionabili su YouTube e  trame consultabili su Wikipedia o Animeclick



Hiiro no Kakera

È un anime di stampo romantico e soprannaturale, con un accenno di reverse-harem, ispirato all’omonima visual novel.
Diviso in due serie (Hiiro no Kakera e Hiiro no Kakera: Dai Ni Shō) inedite in Italia, è composto da un totale di ventisei episodi. 


La protagonista Tamaki Kasuga viene mandata a vivere nel villaggio natale della nonna, Kifu, per un certo periodo, poiché i suoi genitori si sono trasferiti all'estero per lavoro. Tamaki, in realtà, scopre che la ragione per cui è stata mandata lì è ben diversa, ignota anche ai genitori stessi: appena arrivata e senza uno straccio di spiegazione, la nonna annuncia a Tamaki che lei è la nuova reincarnazione della principessa Tamayori, un ruolo che viene tramandato da generazioni per la linea femminile della sua famiglia. Inizia così, per Tamaki, la scoperta del mondo sovrannaturale, popolato da déi, maghi e demoni, e delle sue potenzialità, sempre accompagnata dai Cinque Guardiani, che la proteggeranno dalla minaccia dei misteriosi Logos e dal potere dell'Onikirimaru.


Akatsuki no Yona

Altro anime romantico e sentimentale che presenta leggerissime tracce di reverse-harem, si rifà al manga di Mizuho Kusanagi, pubblicato sulla rivista Hana to yume.
Anche Akatsuki no Yona è inedito in Italia ed è suddiviso in ventiquattro episodi e tre OAV (l’ultimo è andato in onda il 20 dicembre del 2016).
Tra tutti quelli proposti, è il solo anime ancora in corso.


Yona è l’unica figlia dell’imperatore di Kouka, amata e viziata, è abituata a ogni sorta di lusso. La principessa ha una cotta per suo aitante cugino Soo-won, e le sue giornate trascorrono serene, disturbate solo dalla sua insolente guardia del corpo, il generale Son Hak. La ragazza decide di rivelare i suoi sentimenti al padre, per far benedire una possibile unione col cugino, ma il genitore si oppone fermamente. Ciononostante, dopo aver ricevuto un meraviglioso regalo per il suo sedicesimo compleanno dall'amato, la principessa vuole tentare nuovamente di convincere il genitore. Ma prima che possa conferire col padre, il perfetto mondo della protagonista viene distrutto per sempre: Soo-won assassina il monarca, per succedergli al trono, così Yona, con il cuore spezzato, è costretta a fuggire con Son Hak e darsi alla macchia. Soo-won ha dalla sua l'esercito, quindi l'unica forza in grado di opporglisi sono i leggendari dragoni protettori. Per riconquistare il trono usurpato Yona affronterà un'avventura al fine di trovarli, riunirli e convincerli a seguirla. Non sarà facile poiché i dragoni sono nascosti e sparsi per il mondo, e non sempre intenzionati a diventare i paladini di questa principessa dai capelli "color dell'alba".


Kamisama Kiss

Kamisama Kiss è un anime sentimentale e soprannaturale, con scene scolastiche esilaranti, tratto dal manga di Julietta Suzuki. Questa volta nessun elemento reverse-harem!
È composto da venticinque episodi e cinque OAV.
In Italia l’anime è inedito, il manga invece è tradotto da Star Comics che al momento ha pubblicato ventuno dei suoi venticinque volumi.


Il padre di Momozono Nanami è un accanito giocatore d'azzardo. Un giorno scompare dalla vita della figlia, dopo aver accumulato una quantità enorme di debiti. Di conseguenza, la protagonista viene cacciata di casa dai creditori. Quando Nanami salva un misterioso viaggiatore di nome Mikage da un cane rabbioso, come segno di ringraziamento il ragazzo le cede il suo alloggio. Incredula, si reca nel posto indicato, ovvero un santuario! Qui appare un ragazzo con le orecchie da volpe, chi è costui? Che ne sarà di Nanami, confusa e senza alcuna residenza? 


Fushigi Yuugi

Anime romantico, di stampo sia scolastico sia storico, risale al 1995 e si ispira all’omonimo manga disegnato da Yū Watase.
È diviso in cinquantadue episodi e tre OAV che assieme contano un totale di tredici puntate.
In Italia è in parte inedito: ovvero sono stati mandati in onda soltanto il primo e il secondo OAV, tra il 2002 e il 2005.


Miaka Yuki ha quindici anni ed è all’ultimo anno delle scuole medie giapponesi, e come ogni studente deve affrontare gli esami di ammissione alle superiori, ma lei non si cura molto dello studio: preferisce fare sonnellini e mangiare ogni sorta di leccornie. Un giorno accompagna la sua diligente amica Yui in biblioteca, lì le due ragazze notano un antico libro cinese a terra e lo cominciano a leggere. Si tratta de "L’Universo dei Quattro Dèi”, un libro incantato che può esaudire i desideri di chi lo legge, ma allo stesso tempo il lettore viene risucchiato nel suo mondo fantastico. In questo universo parallelo dell’antica Cina feudale, Miaka si mette subito nei guai, ma viene prontamente più volte salvata da un affascinante ragazzo di nome Tamahome, il quale ha impresso un ideogramma infuocato sulla fronte. Nel frattempo Yui viene rispedita dal libro nel mondo reale, invece Miaka attira l’attenzione del bel imperatore Hotohori, il quale subito capisce che lei è la sacerdotessa del dio Suzaku: una fenice infuocata, l’unica che può salvare il regno di Konan. Per compiere tale impresa ella dovrà trovare i “Sette Guerrieri Celestiali” suoi protettori, il primo dei suoi paladini è proprio Tamahome. 


Ayashi no Ceres

Risale al 2000 ed è costituito da ventiquattro episodi da venti minuti circa ciascuno.
È un anime sentimentale, anch’esso spruzzato di soprannaturale, ma – a differenza dei precedenti titoli consigliati – in Italia non è inedito: di fatti è stato trasmetto su Cooltoon nel 2009.


Protagonisti delle vicende sono due gemelli, Aya e Aki Mikage. Hanno vissuto una vita normalissima e si apprestano a festeggiare il loro sedicesimo compleanno, ignari che la festa con i propri familiari si trasformerà in un incubo. Vengono sottoposti a una curiosa prova, per vedere se in loro è incarnato uno spirito carico di rancore che porterà sciagure nell’intera famiglia. Il corpo di Aki si riempie di ferite, mentre Aya mostra di avere terribili poteri. In procinto di essere eliminata riesce a salvarsi grazie all’aiuto di un misterioso ragazzo. I due fratelli sono la reincarnazione di un pescatore e della Dea Ceres. Quest’ultima un giorno venne derubata del suo velo e costretta a rimanere sulle Terra, dove sposò proprio il pescatore che glielo rubò, dando origine alla famiglia Mikage. Ancora oggi il suo spirito è carico del rancore per l’ingiustizia subita. Proprio per questo Aya deve essere eliminata, porterebbe sciagure sui Mikage e potrebbe persino essere la causa della fine della potente casata. 


Avevate già sentito parlare di questi anime? Quale vi ispira di più e quale di meno?
Dal canto mio, sono tentata di rivedere Hiiro no Kakera per la millesima volta!
 
 

A mercoledì per la seconda parte di
Dieci anime da vedere quest'estate


Nessun commento:

Posta un commento